Arruolamento degli ultraortodossi in Israele/Recruitment of ultra-Orthodox in Israel

01.07.2024

Articoli corti e semplici sono il modo migliore per mantenere i tuoi visitatori. Un avvincente paragrafo di introduzione ed un contenuto breve e informativo assicureranno il ritorno dei tuoi lettori per nuove notizie.

Le immagini sono un tocco perfetto ai tuoi articoli e attirano nuovi lettori. La prima immagine del tuo contenuto sarà automaticamente usata come miniatura dell’articolo. La sua scelta è quindi decisiva per aumentare l'interesse del tuo articolo.

Il paragrafo di introduzione dà ai lettori un'idea di cosa possono trovare. Può anche essere usato come anteprima breve nella lista degli articoli. Formattazioni differenti aiuteranno ad evidenziarli dal resto del testo. Approfondisci come poter formattare i tuoi articoli.

Il servizio militare in Israele è obbligatorio sia per gli uomini che per le donne, ma c'è una categoria di cittadini israeliani che dai tempi della guerra di indipendenza gode di un'esenzione: si tratta degli ebrei ultraortodossi delle scuole religiose yeshiva. Un gruppo che cresce del 4% l'anno, il tasso di crescita demografica più alto fra i Paesi sviluppati, e che entro il 2030 dovrebbe arrivare al 16% della popolazione israeliana.

Un dato preoccupante per il governo israeliano e soprattutto per l'IDF, dal momento che una quota sempre più consistente degli israeliani, se l'esenzione dovesse essere prorogata, sarebbe esclusa dal servizio militare per motivi di studio.

La scorsa settimana la Corte Suprema di Israele ha deciso, con voto unanime, che non esiste più alcun quadro giuridico che permetta al governo di esentare gli studenti ultraortodossi dal servizio militare. La sentenza ha dichiarato illegittima una decisione governativa di giugno 2023 che ordinava all'IDF di non arruolare gli ultraortodossi e ha vietato di fornire loro sostegno finanziario per studiare nelle scuole religiose invece che arruolarsi.

L'estensione progressiva del servizio militare agli ultraortodossi è ritenuta fondamentale in un momento di grande tensione per il Paese, impegnato su diversi fronti di guerra, e soprattutto in un'ottica futura.

Enrico Ellero